venerdì 22 aprile 2016

# amanda # amanda e noah

Recensione #6: PERFECT, la perfezione di un attimo di Alison G. Bailey

Titolo: Perfect. La perfezione di un 
attimo

Autore: Alison G. Bailey
Editore: De Agostini
Genere: Young adult
Pagine:  321
Data Pubblicazione: marzo 2016

Cartaceo: € 12,67

Ebook: € 6,99





Può la vera felicità durare più di un attimo?

È quello che si domanda Amanda, diciotto anni e una vita di insicurezze, quando decide di rifiutare con ostinazione l’amore di Noah. Noah che è il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo cavaliere dall’armatura scintillante. Amanda sa che Noah potrebbe renderla felice, immensamente felice, ma sa anche che tanta felicità potrebbe non durare. E perdere Noah le spezzerebbe il cuore. Ecco perché preferisce rinunciare a lui, e all’illusione di un momento, piuttosto che vivere con il rimpianto di averlo perso per sempre. Per molto tempo Amanda e Noah si rincorrono, soffocando la passione che li divora, gettandosi a capofitto in storie sbagliate e avventure di una notte. Ma quando un tragico evento sconvolge la vita di Amanda, le cose cambiano. Costretta a lottare con tutte le proprie forze per ricominciare, la ragazza capisce che al mondo non esiste dono più prezioso di ogni singolo istante in cui possiamo respirare, correre, ridere e… amare. E si rende conto di non avere più nemmeno un secondo da sprecare. Perché, a volte, un solo attimo di felicità vale più di una vita intera.

Non ero assolutamente a conoscenza dell'uscita di questo libro fino a quando, un giorno, sono andata in libreria per ritirare un pacco che mi era arrivato da amazon.
Nell'unica libreria del piccolo paese in cui vivo lavora una ragazza davvero in gamba che ogni volta riesce a consigliarmi libri molto interessanti.
Così, quel giorno, mentre ritiravo il pacco mi fa "Hey, questo lo hai letto? se non lo hai ancora fatto te lo stra-consiglio, è bellissimo", e tira fuori "Perfect".
Sia la copertina che il titolo  attiravano molto la mia curiosità e come Vi ho già detto, i consigli della mia "libraia" di fiducia sono sempre validi.


Incuriosita da questo libro, inizio a leggerlo la sera stessa...

I protagonisti sono Amanda e Noah, due migliori amici che si frequentano da sempre (nel vero senso della parola, visto che sono nati a pochi minuti di distanza) e condividono insieme ogni momento della loro vita.


Sin da subito capiamo la personalità di Amanda (o Tweet, soprannome datole da Noah) : tremendamente insicura e con un pessimo parere di se stessa (soprattutto fisicamente parlando) forse a causa della "perfezione" che sia lei che i genitori vedono nella sorella maggiore, Emily, bellissima ragazza ed eccellente studentessa, una di quelle persone che nella vita non fanno mai nulla nel modo sbagliato.

Ma Amanda ha Noah, il suo migliore amico, il suo tutto.
Fin da piccoli, condividono ogni cosa, ogni prima volta insieme ....
....ma si sa, non si rimane piccoli per sempre. 

Arrivano i fatidici anni del liceo,
da una parte abbiamo Noah, il "bello" e sportivo della scuola, desiderato da ogni ragazza, e dall'altra abbiamo sempre l'insicura Amanda.
Insicura?? solo insicura?
No, dannatamente insicura e con un'autostima pari a -10.

Il liceo è anche il periodo delle "prime volte" in campo relazionale ed ecco che Noah propone ad Amanda di darsi il loro primo bacio, ma solo per "allenamento" così da evitare figuracce se gli fosse capitato di uscire con qualcuno. 

Ma sarà veramente solo una questione di allenamento??

Sta di fatto che i sentimenti di Noah verso Amanda iniziano a cambiare, anche se lui inizia a frequentare qualcuna di quelle ragazze che gli ronzano tanto in torno al liceo.

Lui non la vede Amanda solo come la sua migliore amica, ma inizia a desiderare più di ogni altra cosa che lei diventi molto di più.



«Sei la prima ragazza che ho notato e l’ultima che noterò mai. Il mio primo bacio è stato il più fantastico della storia dei primi baci perché è stato con te. Non riesco a smettere di pensarti.» Indietreggiai di un passo. Lui era proprio davanti a me, i suoi occhi fissi nei miei. «Voglio che tu sia più della mia migliore amica.» mormorò Noah «Voglio che tu sia la mia ragazza. E tu che cosa vuoi, Tweet?


Personalmente penso che quando c'è una forte amicizia come questa, sia difficile seguire solo il cuore perchè credo che ognuno si chiederebbe "e se poi un giorno ci dovessimo lasciare?"
ed ecco che scatta subito la paura di perdere la persona alla quale siamo tanto legati...perchè rischiare di buttare al vento anni e anni di bellissima amicizia ? alla fine se stiamo bene così, perchè cambiare?





E questo è un pò quello che pensa la nostra Amanda, sempre più insicura, quindi fa capire a Noah che non condivide lo stesso desiderio.

Passano anni , l'amicizia di Noah e Amanda si alterna a momenti di gioia ad altri molto frastagliati. 
Sia l'uno che l'altra si tuffano in nuove relazioni che scatenano l'ira e la gelosia di entrambi.
Ma niente, Amanda continua a respingere Noah anche se solo lui può far scatenare in lei le emozioni più forti che si possano provare.

Poi, arriva un momento nella vita di Amanda che stravolge tutto e la farà riflettere molto, cambiando ogni carta in gioco.


E qui mi fermo, non Vi racconto altro perchè sarebbe come rovinarvi l'intero libro.

Passiamo a "COSA NE PENSO?"

Il romanzo mi è piaciuto molto, mi ha tenuto gli occhi incollati ad ogni singola pagina, impaziente di sapere cosa accadeva nel capitolo successivo (infatti l'ho letto in 2 giorni).
L'autrice scrive a mio parere divinamente, il testo è molto scorrevole.
Carine sono anche le postille ad inizio pagina.

L'unica cosa che fa venire i nervi (sto sorridendo mentre lo scrivo) è quella esagerata mancanza di autostima di Amanda, cioè...in alcuni punti del testo chiunque la prenderebbe a suon di ceffoni e dirgli "ma cosa diamine stai facendo!??!!!", questa è l'unica cosa che in alcuni momenti mi avrebbe fatto desiderare di volare il libro dalla finestra. Altre cose negative, sinceramente, non sono riuscita a trovarle.

E' un racconto emozionante, riflessivo e purtroppo in alcuni tratti anche molto triste.
Riflessivo perchè giunti alla fine, fa molto pensare sul tema affrontato dall'autrice, cioè sul fatto che la perfezione NON esiste e che dobbiamo cogliere ogni attimo della vita lasciando da parte le nostre insicurezze più infondate.

Perchè tutti sappiamo che il treno non passa due volte e che la vita ogni giorno piò cambiare, incontrando improvvisi ostacoli che possono in qualche modo stravolgerci per sempre. 




Il mio voto: 

(4/5)

4 commenti:

  1. Ho letto molti pareri discordanti su questo libro e sono ancora molto indecisa! Ci farò un pensierino, magari per il futuro! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anch'io ho letto molte recensioni diverse fra di loro. A me è piaciuto anche se devo dire che alcuni punti del libro mi hanno talmente annoiato da pensare di chiuderlo e riporlo definitivamente nella mensola. Quello che colpisce è la parte finale, il punto in cui il libro prende una piega del tutto diversa. Un pensierino ce lo farei ;)

      Elimina
  2. Oddio, sono quasi in imbarazzo.
    Io ho letto questo libro consigliato da tutti, ma il mio parere è praticamente opposto al tuo.
    Trash, trash ovunque. Personaggi mal caratterizzati, una protagonista ODIOSA e idiota, clichè a iosa e il particolare del cancro aggiunto a casissimo alla fine... No, non mi è piaciuto per nulla!
    Mah, sarò io che non sono riuscita ad apprezzarlo!
    Nel frattempo se vuoi leggere maggiormente cosa non mi è piaciuto trovi la mia recensione qui.
    Ciau!
    Rainy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao :)
      Le tue critiche al libro sono ben capibili, soprattutto riguardo la protagonista molto odiosa, su questo sono più che d'accordo.
      Diciamo che a me è piaciuto il finale e soprattutto il messaggio che ho personalmente colto da quest'ultimo e forse è un po' per quello che potrei consigliarlo.

      Passo volentieri a leggere la tua recensione ;)

      Elimina

ELEONORA'S READING ROOM ©
Blog letterario a cura di Eleonora C.

Ultimi scatti @Eleonora_reading_room